Drammatico appello di Netanyahu: «agire contro l’aggressione iraniana»

8 Novembre 2019

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha accusato ieri l’Iran di «continuare a mentire sul suo programma nucleare» e ha invitato l’Europa a «smettere di bloccarsi» e ad affrontare la Repubblica Islamica.

L’appello del Premier israeliano arriva a ridosso della notizia secondo la quale l’Iran ha ripreso in pieno il suo programma di arricchimento dell’uranio e dopo che addirittura ha sequestrato un ispettore dell’AIEA e trattenuto i documenti delle sue ispezioni.

«Un anno fa, parlando alle Nazioni Unite, ho svelato al mondo il deposito nucleare segreto dell’Iran a Turquzabad» ha detto Netanyahu in una dichiarazione in inglese.

«Questa mattina (ieri n.d.r.), una riunione del consiglio speciale dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha pubblicato i suoi risultati sulle attività dell’Iran nella struttura non più segreta. L’AIEA ora conferma che l’Iran ha mentito. E che l’Iran continua a mentire» ha poi continuato il Premier israeliano.

Il riferimento di Netanyahu era a quel suo discorso alle Nazioni Unite dove denunciava che il Mossad con una azione veramente ardita era riuscito ad entrare in un deposito segreto iraniano a Teheran.

«L’AIEA ha confermato che l’Iran ha violato il Trattato di non proliferazione», ha affermato Netanyahu. «L’Iran continua a nascondere il suo programma segreto di armi nucleari».

L’appello al mondo e all’Europa

«È tempo che le nazioni del mondo reagiscano all’aggressione e al terrore dell’Iran. È tempo di ricorrere alle sanzioni. È tempo di fare pressione sull’Iran fino a quando non cambierà strada», ha affermato il Premier israeliano.

«L’Iran deve smettere di attaccare le nazioni del Medio Oriente. L’Iran deve smettere di minacciare di distruggere Israele. L’Europa deve smettere di bloccarsi. Ora deve agire contro l’aggressione iraniana» ha poi concluso il suo appello.

L’appello di Netanyahu è stato diffuso in inglese e in ebraico a rimarcare l’importanza del momento e la necessità di bloccare l’Iran prima che si scateni una guerra che potrebbe investire tutto il Medio Oriente e avere ripercussioni globali.

Secondo un funzionario della intelligence israeliana citato dall’emittente televisiva Kan, l’Iran potrebbe far detonare il suo primo ordigno nucleare entro un anno.

Sarah G. Frankl

Vive nel sud di Israele. Responsabile della redazione e delle pubblicazioni Breaking News. Cura i social di Rights Reporter. Esperta del settore informatico. Hacker Etica

SOSTIENICI USANDO STRIPE

Previous Story

Iran: superato ogni limite. Sequestrato ispettore della AIEA

Next Story

Israele: la difesa del paese prima degli interessi personali

Latest from Medio Oriente

nuovo piano americano per gaza

Ecco il nuovo piano americano per Gaza

Secondo POLITICO l’amministrazione Biden sta valutando la possibilità di nominare un funzionario statunitense come massimo consigliere civile di una forza prevalentemente palestinese al termine
Go toTop