Middle East

L’ONU condanna i tunnel di Hezbollah. Possibili operazioni israeliane in Libano

Google+ Pinterest LinkedIn Tumblr

L’ONU condanna i tunnel di Hezbollah scoperti dai militari israeliani e annuncia l’invio di una squadra speciale in Israele per ispezionare quanto scoperto dall’IDF. Lo ha annunciato oggi un portavoce di UNIFIL, la forza di pace delle Nazioni Unite schierata nel sud del Libano.

Stephen Dujarric, portavoce del Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, parlando da New York ha detto che «la costruzione di tunnel da un paese all’altro per scopi militari è del tutto inaccettabile» e ha duramente criticato Hezbollah.

Dujarric ha confermato che una missione di UNIFIL si recherà immediatamente in Israele per ispezionare i tunnel di Hezbollah.

Secondo alcune fonti delle Nazioni Unite sarebbe in programma anche una riunione speciale del Consiglio di Sicurezza dell’ONU ma ancora non se ne conosce la data.

L’IDF potrebbe entrare in territorio libanese

Secondo un alto funzionario israeliano l’IDF potrebbe dover entrare in territorio libanese per neutralizzare la minaccia dei tunnel di Hezbollah. «E’ possibile che ci sarà richiesto di agire all’interno del Libano», ha detto il funzionario parlando a condizione di anonimato.

Netanyahu porta i diplomatici stranieri al confine con il Libano

Netanyahu spiega la situazione ai diplomatici stranieri

Il Premier israeliano, Benjamin Netanyahu, ha condotto una delegazione di funzionari stranieri al confine tra Israele e Libano con lo scopo di spiegare loro la situazione anche “visivamente”.

Netanyahu ha spiegato che i tunnel di Hezbollah sono diversi da quelli di Hamas, sono molto più grandi e «il loro obiettivo è quello di trasferire interi battaglioni, grandi forze, nel territorio israeliano al fine di entrare e compiere uccisioni e rapimenti e per catturare città e villaggi israeliani».

Operazione Northern Shield decisa il 7 novembre

La decisione di dare il via all’operazione Northern Shield è stata presa il 7 novembre, dopo che l’intelligence israeliana aveva avvisato che i terroristi di Hezbollah avrebbero potuto avere una “soffiata” e che avrebbero potuto accelerare i loro piani. Ecco perché non è scattata nessuna ritorsione contro Hamas.

Netanyahu ha chiesto ai diplomatici stranieri di condannare duramente i tunnel di Hezbollah. «L’operazione Northern Shield è appena iniziata» ha detto Netanyahu «quando sarà terminata l’arma dei tunnel, nella quale Hezbollah ha investito così tanto, non esisterà più».

Comments are closed.