Nucleare iraniano: USA pronti a riprendere la via diplomatica

nucleare iraniano via diplomatica nucleare iraniano via diplomatica

Washington ha “sempre” indicato a Teheran di essere “aperta alla diplomazia” sul controverso programma nucleare del Paese, ma che Teheran deve prima compiere “passi di de-escalation” per ridurre le forti tensioni e “creare uno spazio per la diplomazia”, ha dichiarato martedì un portavoce del Dipartimento di Stato americano.

Matthew Miller in un briefing per la stampa ha dichiarato che gli Stati Uniti sono “impegnati a garantire che l’Iran non ottenga un’arma nucleare, e preferiremmo affrontare le nostre preoccupazioni sul programma nucleare iraniano attraverso la diplomazia”.

Il commento era in risposta a una domanda su una recente notizia secondo cui il Giappone avrebbe proposto un’iniziativa per riprendere i colloqui per rilanciare l’accordo nucleare del 2015. Il Ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha dichiarato martedì che un’iniziativa giapponese che si allineasse agli “interessi dell’Iran” sarebbe stata accolta con favore da Teheran e ha elogiato il “ruolo costruttivo del Giappone nel rilancio dell’accordo nucleare”, secondo quanto riportato da Arab News che ha citato l’agenzia di stampa giapponese Kyodo News.

Amir-Abdollahian ha dichiarato a Kyodo News di aver ricevuto la proposta giapponese durante una visita a Tokyo il mese scorso durante la quale ha incontrato il Primo Ministro Fumio Kishida e l’allora Ministro degli Esteri Yoshimasa Hayashi.

Miller ha detto martedì di non essere “a conoscenza di questa specifica iniziativa”, ma che Washington ritiene che “la diplomazia sia il modo migliore per garantire che l’Iran non ottenga mai un’arma nucleare.

“Abbiamo sempre detto di essere aperti alla diplomazia con l’Iran. Non voglio entrare nel merito di come potrebbero essere i colloqui, ma crediamo che la diplomazia sia la strada migliore per impedire all’Iran di ottenere un’arma nucleare. Preferiremmo perseguire la diplomazia”, ha detto martedì Miller, aggiungendo che c’è “una serie di passi di de-escalation che vogliamo che l’Iran faccia”.

All’inizio di questo mese, l’Iran ha suscitato una forte preoccupazione dopo aver impedito a un terzo degli ispettori più esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica di accedere alle strutture nucleari del Paese, una mossa che il capo dell’AIEA ha definito senza precedenti.

Il Segretario di Stato americano Antony Blinken ha dichiarato venerdì che il programma nucleare iraniano è un “elemento destabilizzante” e ha accusato Teheran di non essere “interessata ad essere un attore responsabile” dopo aver allontanato gli ispettori delle Nazioni Unite

Miller ha affermato che l’Iran deve compiere passi di de-escalation “se vuole ridurre le tensioni e creare uno spazio per la diplomazia” e che Washington “non ha ancora visto indicazioni” che l’Iran sia “seriamente intenzionato ad affrontare le preoccupazioni” che gli Stati Uniti e gli altri Paesi firmatari dell’accordo del 2015 hanno sul suo programma nucleare.

All’inizio di questo mese, Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e Germania hanno detto all’AIEA che l’Iran deve chiarire le questioni relative al suo programma nucleare, comprese le preoccupazioni sulle telecamere di monitoraggio e la presenza di particelle di uranio arricchito a un livello prossimo a quello di un’arma.

“Se l’Iran è davvero intenzionato a compiere passi di de-escalation, la prima cosa che potrebbe fare è collaborare con l’AIEA. Non abbiamo visto farlo pienamente”, ha detto Miller.

Miller ha chiarito che “non sta dicendo” che gli Stati Uniti riprenderanno i colloqui diretti o indiretti con l’Iran solo se verranno compiuti questi passi di de-escalation.

Martedì, un nuovo rapporto ha affermato che il leader iraniano ha dato il via libera a colloqui diretti con gli Stati Uniti sul suo programma nucleare, una mossa che è arrivata giorni dopo che Washington ha detto di aver bloccato la visita di Amir-Abdollahian.

Secondo Amwaj.media, con sede nel Regno Unito, l’Iran vuole rianimare i negoziati per riportare gli Stati Uniti nell’accordo del 2015.

I colloqui, condotti attraverso l’Unione Europea, sono falliti dopo che entrambe le parti avevano indicato che l’accordo era quasi concluso.

Pubblicamente, gli Stati Uniti hanno espresso scarso interesse a tornare al tavolo delle trattative. Tuttavia, hanno ripetutamente indicato la diplomazia come l’opzione preferita per impedire all’Iran di dotarsi di armi nucleari e di recente hanno negoziato con Teheran uno scambio di prigionieri che comprendeva lo scongelamento di circa 6 miliardi di dollari in denaro iraniano, che era stato uno dei principali punti di contesa.

Citando fonti iraniane di alto livello, Amwaj ha riferito che la Guida Suprema iraniana, l’Ayatollah Ali Khamenei, ha “concesso il permesso” per colloqui diretti sul nucleare tra Iran e Stati Uniti.

Secondo quanto riferito, il principale negoziatore nucleare iraniano Ali Bagheri sta cercando di incontrare l’inviato speciale degli Stati Uniti Brett McGurk in Oman nelle prossime settimane. Secondo il rapporto, Bagheri aveva avuto il permesso di incontrare McGurk a New York all’inizio del mese, a margine della riunione annuale delle Nazioni Unite, ma l’incontro non si è mai concretizzato.

L’Oman è stato usato in passato come punto di partenza per i colloqui tra gli arci-nemici, ma non ci sono stati colloqui diretti pubblici da quando gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo nucleare nel 2018. Secondo quanto riferito da Amwaj, l’allora ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif era stato invitato alla Casa Bianca nel 2019, ma all’epoca Khamenei aveva rifiutato il permesso.

Secondo Amwaj, dall’inizio di quest’anno sono in corso colloqui a distanza che hanno permesso alle parti di smorzare le tensioni, portando l’Iran a rallentare l’attività di arricchimento, che aveva aumentato in modo significativo negli ultimi anni, e gli Stati Uniti ad allentare l’applicazione delle sanzioni.

Tuttavia, le possibilità di un accordo sarebbero complicate dal rifornimento di armi alla Russia da parte dell’Iran, armi usate per sostenere l’invasione dell’Ucraina e dalla politica interna degli Stati Uniti; gli analisti ritengono infatti improbabile che il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden accetti un nuovo accordo nucleare prima delle elezioni del novembre 2024.

Lunedì, Miller ha dichiarato ai giornalisti che ad Amir-Abdollahian era stato negato il permesso di visitare la sezione di interesse consolare iraniana a Washington, dopo l’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York.

“Considerando l’ingiusta detenzione di cittadini statunitensi da parte dell’Iran e la sponsorizzazione del terrorismo da parte dello Stato iraniano, non abbiamo ritenuto opportuno o necessario, in questo caso, accogliere la richiesta”, ha dichiarato.

Blinken ha minimizzato le speculazioni secondo cui l’accordo sui prigionieri di questo mese potrebbe portare a un movimento diplomatico più ampio, anche sul contestato programma nucleare iraniano.

Amwaj.media aveva anche riportato per primo la speranza di Amir-Abdollahian di visitare Washington, in quella che sarebbe stata la prima visita di un ministro degli Esteri iraniano in 14 anni.

Il Primo Ministro Benjamin Netanyahu si è opposto a gran voce all’accordo nucleare del 2015, che ha limitato l’arricchimento iraniano in cambio di un alleggerimento delle sanzioni, e ha spinto affinché le altre potenze si ritirassero dall’accordo piuttosto che gli Stati Uniti vi rientrassero.

Parlando alle Nazioni Unite venerdì, Netanyahu ha chiesto alle potenze occidentali di imporre nuovamente le sanzioni all’Iran, in un discorso incentrato principalmente su un nascente accordo di normalizzazione con l’Arabia Saudita mediato dagli Stati Uniti.

Nel 2015, Stati Uniti, Regno Unito, Russia, Francia, Cina, Germania e Unione Europea hanno raggiunto un accordo con l’Iran, in base al quale Teheran avrebbe limitato il suo programma nucleare in cambio di un alleggerimento delle pesanti sanzioni economiche. L’accordo ha iniziato a sgretolarsi nel 2018, quando l’allora presidente degli Stati Uniti Donald Trump si è ritirato unilateralmente dal patto e ha reimposto le sanzioni.

Teheran, a sua volta, ha intensificato il suo programma nucleare. Gli sforzi per rilanciare l’accordo non hanno ancora dato frutti.