Leggo critiche all’uccisione di Qassem Soleimani da parte di coloro che, pur non negando che fosse un assassino responsabile di migliaia di morti, sostengono che con l’Iran ci voglia “moderazione”.

Ora, posso capire le critiche di coloro che sostengono che Soleimani era un eroe (estrema destra ed estrema sinistra), posso anche capire le critiche di coloro che temono una reazione iraniana contro Israele, ma critiche da chi sa chi fosse realmente Qassem Soleimani ma chiede comunque moderazione davvero non si possono sentire.

Quale moderazione vuoi avere con chi da anni dichiara apertamente di voler distruggere Israele.

Quale moderazione vuoi avere con chi vuole dotarsi di armi atomiche per raggiungere questo obiettivo?

Quale moderazione vuoi avere con chi destabilizza interi paesi (Libano, Iraq, Yemen e Siria) per ragioni prettamente strategiche volte sempre a quell’obiettivo?

Ma davvero pur di andare contro Trump (e lo dice uno che Trump non lo ama minimamente) vogliamo far passare il messaggio che il regime iraniano è la vittima e non il carnefice?

Quale moderazione hanno avuto gli iraniani quando hanno rifornito di centinaia di migliaia di missili gli Hezbollah libanesi?

Quale moderazione hanno avuto gli iraniani quando hanno deciso di supportare Hamas con armi e denaro?

Quale moderazione c’è stata da parte degli iraniani quando hanno ordinato di attaccare l’ambasciata americana a Baghdad e le basi americane in Iraq uccidendo un contractor?

E quanto sono stati moderati gli iraniani quando hanno abbattuto un drone americano, attaccato petroliere nel Golfo Persico e infine lanciando un massiccio attacco missilistico contro la più importante raffineria saudita?

Non mi sembra che quei signori oggi così critici con l’uccisione di Soleimani abbiano chiesto all’Iran di essere “moderato”.

Mi dicono che la moderazione serve per non alimentare una escalation in Medio Oriente. Ma perché, quello che sta facendo l’Iran in medio Oriente non è forse una escalation? Lenta, ma pur sempre escalation.

Quindi si dovrebbe essere moderati solo per rinviare una escalation già di fatto in atto il che, tradotto in soldoni, significa dare il tempo agli iraniani di preparare l’attacco a Israele.

Scusate ma davvero non comprendo. Chiedere moderazione con l’Iran e come dare il via a una lunga procedura di suicidio assistito. Veramente vogliamo questo?