ISIL: un pericolo mortale già fortemente presente in Europa (video shock)

https://www.youtube.com/watch?v=YLwbonR_i3U&feature=youtu.be

L’ISIL (o ISIS) non ha bisogno di darsi tanto da fare per conquistare l’Europa, c’è già dentro come dimostrano le immagini della manifestazione di qualche giorno fa in Olanda, proprio nel centro dell’Aia, capitale virtuale dell’Europa.

Guardate bene il video che abbiamo postato qui sopra perché non ci troviamo in qualche città irachena conquistata dai terroristi dell’ISIL o in una capitale islamica, siamo nel cuore pulsante dell’Europa. Potete vedere sventolare centinaia di bandiere nere dello Stato Islamico del Levante e sentire i “manifestanti pacifisti” chiamare all’uccisione degli ebrei, dei cristiani e di tutti gli infedeli.

Il brutto è che questa manifestazione non è un fatto isolato. Le bandiere nere dell’ISIL sono apparse un po’ ovunque in queste settimane dove le manifestazione dei cosiddetti “pacifisti” contro Israele si sono moltiplicate.

Hanno trovato una autostrada e a spianargliela sono i loro amici terzomondisti, quelli della tolleranza, della integrazione e della pacifica convivenza.

Ora noi vogliamo fare una domanda che speriamo arrivi alle autorità europee: avete la più pallida idea di quanto l’ISIL sia infiltrato in Europa? E avete idea di quanto tutto questo sia pericoloso? Avete idea di quanto questi terroristi spietati e assassini siano simili a quelli che ogni giorno combatte Israele e da pochi giorni il Kurdistan?

Facciamo questa domanda perché abbiamo la nettissima impressione che non solo in Europa si sottovaluti il problema ma che si tenda in qualche modo a tollerarli e addirittura a legittimarli. E’ un suicidio che porterà il vecchio continente nel profondo di una guerra religiosa che non è in grado di combattere. I terroristi islamici lo sanno benissimo e se ne stanno approfittando a grande mani.

[glyphicon type=”user”]Scritto da Adrian Niscemi

[glyphicon type=”euro”] Sostieni Rights Reporter

© 2014, Rights Reporter. All rights reserved. Riproduzione vietata

Recommended articles