unrwa a gaza paesi arabi tolgono finanziamenti

Circa una settimana dopo che gli Stati Uniti e altri Paesi occidentali avevano congelato i finanziamenti alla UNRWA, l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, alla fine di gennaio, il suo più alto funzionario è volato nel Golfo arabo, sperando che le ricche monarchie arabe salvassero l’organizzazione in un momento in cui essa era (ed è) il principale fornitore di aiuti umanitari a Gaza.

Lo sforzo non ha avuto successo. Philippe Lazzarini, capo dell’Agenzia delle Nazioni Unite per il Soccorso e l’Occupazione, ha raccolto 85 milioni di dollari dall’Arabia Saudita, dal Qatar e dagli Emirati Arabi Uniti per il 2024, una cifra ben lontana dai finanziamenti persi quando gli Stati Uniti e altri hanno tagliato gli aiuti in seguito alle accuse di partecipazione di almeno una dozzina di dipendenti dell’agenzia agli attacchi del 7 ottobre contro Israele. L’anno scorso, solo gli Stati Uniti hanno dato all’agenzia più di 422 milioni di dollari.

Secondo i funzionari dell’agenzia, il denaro che Lazzarini ha cercato di raccogliere finora è sufficiente a coprire le spese dell’Unrwa fino a maggio. Al di là di allora, senza nuovi fondi, l’Unrwa afferma che sarà costretta a ridurre le sue attività umanitarie a Gaza, che comprendono l’alimentazione e il ricovero di oltre un milione di persone. Altre agenzie delle Nazioni Unite e gruppi di beneficenza fanno molto affidamento sull’Unrwa, con circa 3.000 dipendenti nell’enclave che supervisionano la maggior parte della distribuzione degli aiuti e l’assistenza sanitaria di base.

Lazzarini ha detto che i recenti contributi dei donatori arabi e di altri paesi hanno permesso all’agenzia di continuare ad assistere i palestinesi. “Ma per quanto tempo? Stiamo lavorando di giorno in giorno. Senza ulteriori finanziamenti ci troveremo in un territorio inesplorato“, ha dichiarato recentemente alle Nazioni Unite.

La maggior parte dei 2,2 milioni di abitanti di Gaza sono già sfollati, senza accesso a cure mediche adeguate e sull’orlo della carestia. La prospettiva che la situazione possa peggiorare ulteriormente ha convinto diversi Paesi – tra cui Canada, Svezia, Australia e Finlandia – a riprendere i finanziamenti inizialmente sospesi nelle ultime settimane.

L’Unrwa è stata coinvolta in una controversia da quando Israele ha accusato almeno una dozzina di dipendenti, tra cui insegnanti, di aver preso parte agli attacchi guidati da Hamas. Israele ha anche affermato che altre centinaia di dipendenti dell’Unrwa sono membri di ali armate di gruppi militanti come Hamas. L’agenzia ha licenziato i dipendenti presumibilmente legati agli attacchi e ha affermato che Israele non ha fornito prove che dimostrino che il coinvolgimento in gruppi militanti vada oltre alcuni individui. Le Nazioni Unite hanno avviato due indagini sulla neutralità dell’agenzia.

Israele sta spingendo affinché l’Unrwa venga gradualmente rimossa da Gaza e sta facendo pressioni sui suoi alleati per sostituire l’agenzia con altri gruppi umanitari. Domenica l’Unrwa ha dichiarato che l’esercito israeliano le ha impedito di consegnare cibo nella parte settentrionale dell’enclave, un’area che soffre di una diffusa malnutrizione acuta.

Gli Stati Uniti non riprenderanno presto i finanziamenti. Il nuovo pacchetto di spesa approvato dal Congresso e firmato dal Presidente Biden include una disposizione che impedisce all’Unrwa di ricevere fondi almeno fino al marzo 2025. Se il candidato repubblicano Donald Trump sarà eletto presidente a novembre, sembra ancora meno probabile che i finanziamenti riprendano: La sua amministrazione ha tagliato i fondi all’Unrwa nel 2018, affermando che il suo modello di business era “irrimediabilmente difettoso”.

Niente può colmare completamente il vuoto che gli Stati Uniti lasceranno se non riprenderanno i finanziamenti“, afferma Tamara Al-Rifai, portavoce dell’Unrwa. “Queste misure di emergenza ci aiutano a far fronte ai bisogni immediati. Dovremmo avere conversazioni strategiche a più lungo termine sulla sostenibilità dell’Unrwa“.

Senza nuovi finanziamenti, le Nazioni Unite potrebbero essere costrette a ripensare il mandato insolitamente ampio dell’agenzia. È stata creata con l’obiettivo di fornire aiuti d’emergenza ai rifugiati della guerra arabo-israeliana del 1948. Da allora è cresciuta fino a diventare una struttura quasi governativa, gestendo scuole primarie e secondarie, centri sanitari e persino la raccolta dei rifiuti per i palestinesi apolidi di tutto il Levante. Le sue spese annuali superano 1,4 miliardi di dollari, la maggior parte dei quali viene utilizzata per coprire gli stipendi dei suoi 30.000 dipendenti tra Gaza, Cisgiordania, Giordania, Libano e Siria.

Mentre la maggior parte dei circa 700.000 rifugiati iniziali del conflitto del 1948 è morta, l’Unrwa si occupa ora dei loro discendenti, un numero che è cresciuto fino a più di cinque milioni. Nessun Paese arabo, a parte la Giordania, è stato disposto a dare la cittadinanza a un numero significativo di rifugiati palestinesi, lasciando alle Nazioni Unite il compito di occuparsi di loro. Gli Stati Uniti hanno fornito la maggior parte dei finanziamenti dell’Unrwa nel corso dei decenni, ma un numero crescente di politici di entrambi i partiti principali nutre preoccupazioni riguardo all’agenzia e alla sua missione a tempo indeterminato.

Le monarchie arabe da tempo preferiscono donare bilateralmente alle cause umanitarie piuttosto che attraverso le Nazioni Unite. Non vogliono che l’Unrwa crolli, ma vedono anche dei vantaggi nel riformarla, ad esempio migliorando il modo in cui seleziona il personale per impedire ad Hamas di infiltrarsi. Secondo esperti delle politiche dei governi del Golfo, non ritengono inoltre che sia loro compito intervenire completamente per sostituire i finanziamenti occidentali.

La scorsa settimana l’Arabia Saudita ha promesso 40 milioni di dollari all’Unrwa, destinandoli alla risposta umanitaria a Gaza. Si tratta del più grande contributo di un Paese all’agenzia da quando è scoppiato lo scandalo. Ma questo è niente se paragonato ai 400 milioni di dollari in aiuti umanitari per l’Ucraina che il regno ha annunciato nel 2022.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno recentemente erogato 20 milioni di dollari all’Unrwa, fondi promessi l’anno scorso ma non consegnati. Il Paese li ha concessi a condizione che l’agenzia non li inquadrasse come nuovi aiuti, o che non fossero destinati a colmare la sospensione dei fondi da parte di altri Paesi. Il Qatar ha promesso 25 milioni di dollari per il 2024. Il Kuwait non si è ancora impegnato.

Alcuni Stati arabi, tra cui l’Arabia Saudita, sono riluttanti a impegnare grandi somme di denaro per Gaza finché non ci sarà maggiore chiarezza sul futuro politico dell’enclave. Il regno ha spinto per una soluzione a due Stati in cui l’Autorità palestinese riformata avrebbe un ruolo, una possibilità che il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha finora escluso.

Hanno gli occhi puntati sulla ricostruzione post-bellica. Pagare il conto dell’Unrwa rafforza l’immagine che il Golfo verrà sempre in soccorso“, ha dichiarato Bader al-Saif, esperto di questioni del Golfo Persico e dell’Arabia presso l’Università del Kuwait. “Di certo non ricostruiranno se questo non è legato a concessioni da parte di Israele, e non so come questo possa avvenire nel clima attuale“.

Secondo un funzionario del Dipartimento di Stato, quest’anno gli Stati Uniti hanno fornito all’agenzia 71 milioni di dollari prima della pausa dei finanziamenti. In genere gli Stati Uniti effettuavano i pagamenti in tre tranche all’anno, il che significa che la riduzione dei finanziamenti sarà particolarmente acuta nei prossimi mesi. La Germania, in passato secondo donatore dell’Unrwa, quest’anno non ha versato alcun contributo all’agenzia.

L’Unrwa era già in difficoltà finanziaria prima dell’inizio della guerra a Gaza.

A differenza della maggior parte delle agenzie delle Nazioni Unite, l’Unrwa non attinge al bilancio generale dell’ONU, se non per contribuire a coprire gli stipendi del suo piccolo personale internazionale. Si affida invece ai contributi volontari e imprevedibili dei donatori. L’agenzia non si è mai ripresa completamente dalla decisione dell’amministrazione Trump che ha bloccato i suoi finanziamenti tra il 2018 e il 2020.

In quel periodo, Paesi come la Germania e le monarchie del Golfo hanno aumentato drasticamente i loro contributi annuali, ma non abbastanza da compensare completamente la perdita dei finanziamenti statunitensi. L’Unrwa ha utilizzato i pochi risparmi che aveva per compensare queste perdite. Nonostante la ripresa dell’assistenza statunitense sotto Biden, l’Unrwa afferma di aver concluso ciascuno degli ultimi anni finanziari con decine di milioni di dollari di fatture arretrate a tutti, dai medici del personale ai fornitori di carta igienica.

La sospensione dei finanziamenti annunciata a gennaio rischiava di avere un impatto quasi immediato sull’Unrwa. La spinta diplomatica di Lazzarini ha contribuito a ritardare questa situazione, assicurando rapidamente denaro aggiuntivo da Paesi come la Spagna e l’Irlanda. All’inizio del mese l’Unione Europea ha dichiarato che avrebbe effettuato un primo versamento di 50 milioni di euro all’Unrwa, pari a 54 milioni di dollari, dopo che l’agenzia ha accettato di permettere a esperti nominati dall’UE di verificare le modalità di selezione del personale.